News/Comunicati

Equita annuncia il sesto investimento del suo fondo di private debt affiancando L Catterton ed Ambienta nell'acquisizione di Pibiplast

Equita annuncia il sesto investimento del fondo di private debt nella società Pibiplast, leader da oltre 60 anni nella progettazione e produzione di packaging primario in plastica per i settori cosmetico e del personal care. Il fondo Equita Private Debt Fund, guidato da Paolo Pendenza, ha infatti affiancato L Catterton ed Ambienta nell’acquisizione di Pibiplast, sottoscrivendo per intero un prestito obbligazionario subordinato di Euro 10 milioni emesso dal veicolo d’investimento controllato dagli stessi fondi di private equity.

Pibiplast, azienda fondata nel 1954 da Paolo Bosi, vanta una base clienti diversificata e fidelizzata che include alcuni tra i brand ed i filler più di alto profilo presenti sul mercato. Negli anni Pibiplast ha conquistato una posizione di leadership sul mercato grazie al livello di servizio offerto, alla sua flessibilità produttiva ed alla capacità di personalizzazione dei prodotti.

La società, basata a Correggio (RE), vanta un fatturato annuo di circa Euro 58 milioni, quattro siti produttivi ed una struttura logistica particolarmente efficiente; l’impianto di Correggio è stato recentemente ampliato con nuove linee dedicate alla decorazione ed al trattamento di metallizzazione dei prodotti. Con l’operazione, i fondi L Catterton ed Ambienta si affiancano alla famiglia Bosi con l’obiettivo di proseguire il percorso di internazionalizzazione della società e creare un fornitore e partner a valore aggiunto ancora più elevato per le aziende e le multinazionali operanti nei settori della cosmetica e dello skincare.

Nel contesto dell’operazione di acquisizione, Equita ha inoltre agito in qualità di financial advisor di L Catterton e di Ambienta.

«Pibiplast – commenta Paolo Pendenza, gestore del Fondo – rappresenta un target ideale per un investimento di questo tipo, grazie al suo posizionamento competitivo, alla crescita dei mercati di riferimento ed allo standing degli sponsor.  Il nostro intervento conferma la capacità di Equita di supportare fondi di private equity di primario standing nel contesto di aste competitive e la complementarietà del private debt rispetto al canale bancario».

Equita è stata assistita, per la parte legale, dagli avvocati Marina Balzano e Giulio Asquini dello Studio Pavia e Ansaldo